Giovedì 9 marzo, ore 21.00
Emilia Romagna Teatro ERT / Teatro Nazionale, Teatro di Roma-Teatro Nazionale presentano

FEDERICA FRACASSI

LA FEBBRE

  • di Wallace Shawn
  • traduzione Monica Capuani
  • regia Veronica Cruciani
  • con Federica Fracassi

Una donna benestante, una viaggiatrice senza nome si trova in un hotel di un paese povero e lontano dove è in corso una rivolta. La incontriamo mentre si trova abbracciata ad un water del bagno, scossa da una febbre che la fa rabbrividire e sprofondare in una più profonda nausea esistenziale. A un certo punto, una rivelazione improvvisa e accecante: le sue presunzioni e il suo privilegio di persona liberale, istruita e benestante si basano sulla miseria che altre persone vivono nel mondo. La malattia è il capitalismo stesso. Questa donna è alla ricerca di risposte. Tutto ha un prezzo? Le persone? Uccidere? Cosa ci dà il diritto di stare meglio di chi è povero? Perché insistiamo nel chiedere il meglio per noi stessi/e e i/le nostri/e figli/e quando le altre persone non hanno quasi nulla? Con La febbre, Veronica Cruciani cura la regia dell’omonimo testo del commediografo inglese Wallace Shawn, nella traduzione di Monica Capuani; un monologo che è un’elaborata denuncia del capitalismo globale, feroce e ironicamente divertente. Federica Fracassi trascina il pubblico nell’esperienza intima di una notte febbricitante, scandita da sogni offuscati e i pensieri ultraterreni, dove la lucidità più nitida si accompagna al tremore e al delirio, per porre quelle domande che molti/e di noi nella vita cercano di ignorare, per interrogare il Primo Mondo e smascherare il privilegio che risiede nel punto più profondo di noi stessi/e. Come accade alla donna, arriviamo con l’improvvisa forza di una rivelazione al cuore della questione: crogiolarsi nella colpa liberale non serve, serve scoprire perché tale colpa non sia più sufficiente.

Spettacolo in abbonamento
maggiori informazioni qui 

Biglietti:
posto unico numerato € 20,00
(esclusi diritti di prevendita)